Si scrive apparte o a parte?

Si scrive apparte o a parte?

giacomo leopardi

Eccoci tornati al nostro settimanale appuntamento con le annose questioni grammaticali, dubbi e dilemmi che ci fanno compagnia sin dai tempi delle scuole e che facciamo fatica a scrollarci di dosso. Se amate girellare per forum e chat, noterete che molti giovani tendono a scrivere “apparte” piuttosto che “a parte”. Chi ha ragione? Come al solito la verità sta nel mezzo. La forma più corretta sarebbe “a parte”, in quanto “apparte” rappresenta una classica forma di raddoppiamento fonosintattico. Tuttavia, se andiamo a spulciare il Gradit, a sorpresa troviamo “apparte” come variante di “a parte”.

Quindi, tecnicamente parlando, se la cita il Gradit, vuol dire che “apparte” può essere utilizzata come forma sostituitiva di “a parte”, ma se vogliamo essere onesti, è parecchio bruttina come forma, noi preferiamo nettamente “a parte”. E non portateci a citazione la frase di Leopardi: “e regolarsi con leggi apparte, e indipendenti dalle leggi universali della natura…”, tratto dallo Zibaldone. Lui era un poeta, oltretutto di un secolo diverso dal nostro, quindi poteva lecitamente usarlo. Noi no.

235

Segui NanoPress

Ven 29/07/2011 da

Commenta

Ricorda i miei dati

I commenti possono essere soggetti a moderazione prima della pubblicazione, pertanto potreste non vederli direttamente online non appena li inviate. Se ritenuti idonei, verranno comunque pubblicati entro breve.

Pubblica commento
Seguici

© 2013 Trilud S.p.A. - P.iva: 13059540156 - Tutti i diritti riservati.

NanoPress, testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Milano n° 314/08